Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Parma: FIGC indaga sul match con lo Spezia. Leggerezza scambiata per tentato illecito?
Parma:

Ogni anno, è il caso di dirlo, sul Parma Calcio si addensano nubi che minano il buon umore e i nervi dei tifosi e dell’ambiente crociato peraltro senza alcun riscontro sulla realtà dei fatti. Non possono essere dimenticate le polemiche dopo la semifinale playoff di LegaPro con il Pordenone (presunto mani di Baraye invocato dai friulani) o i veleni dopo la clamorosa sconfitta contro l’Ancona cui seguì un’inchiesta poi finita in un nulla di fatto con l’archiviazione. Quest’anno al centro delle preoccupazioni dei supporters gialloblù l’ultima partita di campionato, giocata e vinta a La Spezia lo scorso 18 maggio. La sfida che (con il contemporaneo pari di Frosinone e Foggia) ha sancito la promozione diretta e la grande festa di cui ancora si odono gli echi.

È di ieri sera infatti l’anticipazione shock di SportItalia, che poi è stata parzialmente approfondita in mattinata dai principali quotidiani sportivi italiani, di un’inchiesta avviata dalla FIGC in merito ad un’ipotesi di illecito in quest’ultima partita. Secondo le indiscrezioni filtrate dal palazzo della procura federale l’indagine sarebbe scattata in seguito ad uno o più sms che alcuni giocatori del Parma avrebbero inviato prima della partita a giocatori dello Spezia e che potrebbero (il condizionale è d’obbligo) configurare un “tentativo di illecito sportivo”.

L’inchiesta è certamente un atto dovuto, anche perchè secondo le notizie trapelate il tutto è partito da una denuncia dei giocatori e dirigenti dello Spezia che, anche per evitare di incappare nell’ipotesi di “omessa denuncia”, hanno evitato di rispondere al messaggio e hanno provveduto a comunicare l’accaduto alla procura. Dopo i giocatori dello Spezia, ieri sono stati ascoltati gli autori dei due sms incriminati (pare siano Ceravolo e Calaiò) per cercare di chiarire la propria posizione in questa vicenda che mette a rischio l’intera stagione. Se non per le conseguenze disciplinari, certamente per una questione di immagine.

Pur non essendo nostra prassi attendere nella pubblicazione di notizie di tale portata (è confermata l’audizione di Calaiò e Ceravolo presso la procura) soprattutto nell’interesse dei nostri lettori, in questo caso abbiamo volontariamente posticipato la pubblicazione dell’articolo in attesa di reazioni pubbliche da parte della società ducale alla luce dei dubbi che guardando alle indiscrezioni diffuse sono immediatamente sorti.
Per dovere di cronaca, come già successo con l’Ancona, abbiamo ritenuto opportuno riportare la notizia dopo aver cercato riscontri e verificato le fonti a nostra disposizione ma in tutta onestà è soprattutto un punto che lascia perplessi e una domanda ci ronza nella testa: nel 2018, quale individuo dotato di buon senso utilizzerebbe un mezzo facilmente tracciabile (e memorizzabile) come un sms o un messaggio whatsapp (e consimili) per organizzare una combine? Soprattutto memori di eventi già saliti all’onore delle cronache.

Alla luce delle notizie che si susseguono, sembra più plausibile l’estrema, assurda e imperdonabile leggerezza dei due giocatori che non hanno valutato le conseguenze derivanti da poche righe di testo, magari inviate con lo scopo di “distrarre” l’avversario o addirittura goliardico.

E il comunicato ufficiale del Parma del Parma Calcio 1913, arrivato alle 12.30 sembra confermare questa ipotesi, in particolare la società precisa: “I calciatori Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo sono stati ascoltati ieri pomeriggio a Roma dalla Procura Federale. A entrambi è stato semplicemente chiesto conto di due messaggi di testo, inviati a loro ex compagni di squadra in forza allo Spezia nei giorni precedenti la gara. Il tenore dei testi di cui il Parma ha potuto prendere visione nelle ultime ore […] non contiene alcun tipo di irregolarità o malizia, come già chiarito dai nostri tesserati e come siamo certi verrà accertato anche dagli organi preposti”. La società conferma inoltre la disponibilità dei propri tesserati (che non rilasceranno dichiarazioni in merito fino a fine indagine) ad ulteriori accertamenti presso gli organi preposti.

Per i tifosi non resta quindi che confidare nell’ipotesi della “ragazzata” che porti all’archiviazione rapida. Certamente l’esito delle indagini dovrà essere reso noto dalla procura entro l’inizio della prossima Serie A e speriamo anche prima per non minare la preparazione del campionato.

 

Francesco Lia
Direttore SportParma

 

 

 

Riportiamo seguito il testo integrale del Comunicato Ufficiale del Parma Calcio 1913:

Il Parma Calcio 1913, con riferimento alle notizie di stampa apparse nelle ultime ore riguardanti l‘apertura da parte della Procura Federale di un‘indagine inerente alla gara valida per l‘ultima giornata del campionato di Serie B 2017/18 contro lo Spezia, desidera precisare quanto segue:

– i calciatori Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo sono stati ascoltati ieri pomeriggio a Roma dalla Procura Federale. A entrambi è stato semplicemente chiesto conto di due messaggi di testo, inviati a loro ex compagni di squadra in forza allo Spezia nei giorni precedenti la gara. Il tenore dei testi di cui il Parma ha potuto prendere visione nelle ultime ore - e che non riportiamo esclusivamente per rispetto del lavoro degli organi che hanno il compito di approfondire l‘accaduto – non contiene alcun tipo di irregolarità o malizia, come già chiarito dai nostri tesserati e come siamo certi verrà accertato anche dagli organi preposti.

– Chi ha il compito di vigilare sulla correttezza di un campionato ha il diritto e il dovere di effettuare ogni tipo di verifica venga ritenuta necessaria. Per questa ragione ogni dirigente, tesserato o dipendente del Parma Calcio 1913 è a totale disposizione degli organi competenti qualora manifestassero la volontà di approfondire ogni aspetto che possa essere ritenuto utile.

– Allo stesso tempo però non possiamo non stigmatizzare la diffusione alla stampa di contenuti dettagliati di un‘indagine che, essendo in corso, non permette a chi è chiamato in causa di rispondere in maniera adeguata proprio per evitare di intaccare il lavoro degli organi preposti. In ossequio alle normative infatti, nessun tesserato o dirigente del Parma Calcio 1913 - anche se a malincuore - rilascerà dichiarazioni sino alla conclusione delle indagini.

– A tal proposito, dopo i fiumi di inchiostro dedicati alle infamanti accuse relative a Parma-Ancona, purtroppo non cancellati dall‘archiviazione del procedimento, e dopo ogni sforzo fatto per non replicare alle irresponsabili e reiterate dichiarazioni da parte di addetti ai lavori, relative a presunti episodi arbitrali, il Parma Calcio 1913 ha già dato mandato ai propri legali di intervenire nella maniera più dura possibile contro chiunque continui ad infangare con illazioni o allusioni sui diversi mezzi di comunicazione il suo nome, il suo lavoro o i risultati ottenuti.

– In ultima istanza il Parma Calcio 1913 desidera rassicurare e tranquillizzare con forza i propri tifosi e nutre la massima fiducia sul fatto che quest‘indagine certificherà ulteriormente come la terza promozione consecutiva - come le due precedenti - altro non è stata che un fantastico traguardo raggiunto grazie al lavoro, al sacrificio e all‘esemplare correttezza della società e dei suoi tesserati.

 

L'articolo Parma: FIGC indaga sul match con lo Spezia. Leggerezza scambiata per tentato illecito? proviene da SportParma.