Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
CARRA a tutto campo: «Obiettivo salvezza budget di 50 mln zero debiti»
CARRA

COLLECCHIO – Prima del pranzo collettivo al Centro Sportivo di Collecchio e la partenza per il ritiro in Trentino, in casa Parma si è tenuta la prima conferenza stampa ufficiale della stagione 2018-19. Microfoni e telecamere tutte per l’amministratore delegato Luca Carra, dopo una breve parentesi insieme a mister Roberto D’Aversa. L’ad gialloblù ha affrontato molteplici argomenti, tracciando un bilancio complessivo, anche di natura economica, sulla straordinaria cavalcata che ha portato il Parma dalla serie D alla A nel giro di soli tre anni. L’investimento complessivo è stato di 30 milioni di euro (in 3 anni), una cifra abnorme, ma niente debito, verso nessuno. Il budget compelssivo per la stagione attuale, invece, è di 50 milioni (mercato, stipendi, manutenzione Tardini, Centro Sportivo ecc.)

Ecco le parole di Carra raccolte da Sportparma:

CENTRO SPORTIVO: “Ieri è stato un giorno importante perché abbiamo saldato l‘importo che ci consente di acquisire il Centro Sportivo, manca solo l‘ufficialità, un decreto del giudice. Entro massimo un mese il Parma diventerà proprietario. Non è un dettaglio, il Centro Sportivo è un asset del Parma Calcio 1913 e non di una società terza come è stato in passato. Per questo mi sento di ringraziare al socio di maggioranza e ai soci parmigiani. Tre anni fa in questi giorni entravamo qui con i campi bruciati e sigilli negli uffici, oggi stiamo preparando a disputare una stagione di A, non so quanti ci avrebbero messo la mano sul fuoco: il cammino che è stato fatto è stato eccezionale, nessuno prima aveva fatto tre promozioni in tre anni”.

30 MILIONI IN 3 ANNI: “Abbiamo investito circa 30 milioni di euro nella società, l‘obiettivo fin da subito era quello di centrare il traguardo che ci eravamo prefissati dal punto di vista sportivo ed economico, perché le serie minori generano soprattutto costi anziché ricavi. L‘investimento dimostra che fin da subito abbiamo voluto parlare con i fatti. Questi 30 milioni sono serviti per coprire i costi generati nei tre anni, oggi siamo tra i pochi in Italia a poter dire di non avere debiti. L‘obiettivo era fin da subito la Serie A, ora inizia un percorso più complesso, in un campionato sicuramente più difficile”.

BUDGET 50 MILIONI: “A livello imprenditoriale abbiamo fatto delle valutazioni: stimiamo di poter fare circa 50 milioni di ricavi, stiamo stilando un budget che non preveda perdite reinvestendo questi 50 milioni nella società. Non saranno tutti soldi destinati all‘acquisto di calciatori o al mercato, sia chiaro: ci saranno i costi di gestione, gli ingaggi, altre spese e i lavori per lo stadio che stiamo adeguando per la Serie A: anzi, ci scusiamo in anticipo se ci saranno disagi per chi abita attorno al Tardini, ma dobbiamo lavorare per la licenza per l‘impianto e per renderlo più confortevole, con altri lavori nei mesi successivi”.

OBIETTIVO SALVEZZA: “In questi tre anni abbiamo affrontato campionati tutti diversi tra loro, sembra scontato averli vinti tutti, ma non lo è stato: li conoscevamo poco come realtà, ma anche perché vincere significa ogni anno cambiare, adeguarsi a nuove regole e parametri. Quest‘anno bisognerà cominciare ancora tutto dall‘inizio, siamo quindi consapevoli che arriviamo nel campionato più difficile, siamo e oggi più che mai dovremo sentirci una neopromossa. Per noi è un ‘anno zero’, dove ci sono saranno 38 battaglie con un unico obiettivo: la salvezza.
L‘obiettivo per noi deve essere la salvezza, mantenere la A servirebbe a consolidarci: lo stiamo trasmettendo ai giocatori, ma anche ai tifosi. Sappiamo che in A ci sarà qualche sconfitta in più, quindi l‘aiuto che ci è stato dato dai tifosi nei momenti più difficili il prossimo anno sarà ancora più determinante. Non diciamo che partiamo sconfitti, ci impegneremo sia negli uffici che in campo, se lavoriamo tutti uniti come club e squadra la salvezza è un obiettivo raggiungibile”.

DEFERIMENTO: “Nulla di nuovo rispetto alla chiusura delle indagini, sapevamo già ci sarebbe stato il deferimento, avremmo preferito fosse arrivato un po‘ prima, devono passare 10 giorni liberi fino alla prima udienza, ma non è cambiato nulla rispetto a quel che sapevamo, l‘impianto accusatorio è sempre lo stesso. All‘inizio la questione dell‘indagine ha un po‘ influito sulla campagna abbonamenti, ma solo i primi due giorni, poi con l‘apertura al Tardini abbiamo ripreso a fare molte più nuove tessere, fino a 400 al giorno questa settimana. Sull‘impostazione della squadra influisce un po‘, nella per me incomprensibile ipotesi che ci possa essere una penalizzazione sulla classifica dello scorso anno dobbiamo valutare le eventuali conseguenze di fare la B non la A con una rosa di un certo tipo, ma per quanto ci riguarda è incomprensibile che esista già un processo sulla base di quei tre sms, abbiamo letto gli atti, non c‘è altro rispetto a quel che è stato pubblicato sui giornali e rispetto a quel che si vede oggi nel nostro calcio mi pare si stia parlando del nulla. Onestamente non riesco a immaginarmi una stagione diversa da quella della serie A per il Parma.
Rimborso danni in caso di assoluzione? E‘ difficile fare una causa alla Procura federale. Non credo sia mai successo. I danni che stiamo subendo non sono quantificabili”.

CALCIOMERCATO: “Gli ultimi 2-3 giorni di mercato sono quelli determinanti, perché in molti vendono solo all‘ultimo giorno. Credo andremo avanti fino al 17 agosto per completare tutta la squadra. Come spesso succede nel calcio italiano”.

 

L'articolo CARRA a tutto campo: «Obiettivo salvezza, budget di 50 mln, zero debiti» proviene da SportParma.