Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
GEDE: «Un Parma confusionario non c‘è serenità»
GEDE:

Come ogni lunedì ecco l‘appuntamento con Il Gede risponde, la storica rubrica di Sportparma firmata dall‘ex tecnico gialloblù Pietro Gedeone Carmignani. Sotto la lente di ingrandimento la crisi del Parma dopo il pareggi interno contro il Perugia e una panoramica sull‘ultima giornata di serie A.

La situazione del Parma continua a peggiorare, il ritiro è la scelta giusta?
Non c‘è serenità e si vede, andare in ritiro in una città come Parma non è un bel segnale. E‘ naturale, però, che qualcosa si deve fare, perché il Parma non sta rendendo come ci si aspettava.
Anche ieri la partita è stata particolare, supremazia nel primo tempo ma senza grosse occasioni, poi ad inizio secondo tempo la squadra ha avuto un approccio sbagliato e ha concesso campo al Perugia. Ho visto una squadra spenta nelle idee e nel gioco. Una squadra confusionaria.

Come giudica il modulo 3-4-2-1 utilizzato da D‘Aversa nel primo tempo?
Il sistema di gioco conta fino ad un certo punto, quello che conta è l‘atteggiamento in campo. E ieri l‘atteggiamento è stato sbagliato. E‘ una questione di mentalità.

Gli ingressi di Ceravolo e Ciciretti hanno cambiato il volto del Parma e della partita. La rinascita del Parma passa dai loro piedi?
Sono due giocatori molto importanti per la serie B, quindi è logico aspettarsi molto da entrambi; purché stiano bene. Durante una stagione gli infortunii bisogna metterli in preventivo, anche al Perugia mancavano tre difensori titolari. In genere una rosa è composta da 14-15 titolari.

L‘eterno dilemma: è un Parma da promozione diretta e da zona playoff? Nel primo caso si può parlare di stagione deludente, nel secondo di stagione in linea con i programmi?
A me sembra che la società abbia speso tanto per essere la prima della classe. Sono arrivati giocatori importanti. L‘intenzione è di andare in A. Se poi dopo la campagna acquisti è stata fatta una valutazione diversa, questo non lo so, anche se risulterebbe un po‘ strano… Se gli obiettivi sono i playoff allora vuol dire che siamo in linea con i programmi.

Empoli-Parma è decisiva per il futuro di D‘Aversa?
E‘ una partita importante per entrambe le squadre, anche per l‘Empoli capolista. Per il Parma è un‘occasione per riabilitarsi e tornare in corsa. Ma è anche una partita pericolosa, perché una sconfitta rischia di far precipitare la situazione.

Passiamo alla serie A: il Napoli e Juve, il duello continua…
Il Napoli ha fatto un primo tempo non da Napoli, ha subito la fisicità della Lazio. Riuscire a pareggiare prima dell‘intervallo è stato molto importante. Nella ripresa, poi, la squadra di Sarri ha giocato il suo calcio e ancora una volta ha ribaltato il risultato, travolgendo la Lazio. In questa stagione 7 volte su 8 ha ribaltato il risultato. La Lazio, invece, non ha saputo assorbire il pareggio a fine primo tempo. Nella ripresa calo fisico e soprattutto mentale. Per Inzaghi è la terza sconfitta consecutiva.
Le polemiche con Felipe Anderson non aiutano, lui è un giocatore importante. Come mai alla Juventus non succedono mai queste cose? Ecco perché ha sempre qualche punto in più, perché tirano tutti per la stessa strada. Ai bianconeri la trasferta di Firenze è andata bene, perché la Fiorentina è stata sfortunata. A mio parere la Var non doveva intervenire… Prestazione lodevole dei Viola, però come al solito la Juve è più squadra, cinica, opportunista e sa vincere anche quando non è al massimo, su un campo abitualmente difficile. Decisivo è stato Bernardeschi, a lungo fischiato dai suoi ex tifosi. Di certo serve una Juve diversa in vista della Champions.

Karamoh è il vero rinforzo dell‘Inter?
Spalletti ha dovuto cambiare modulo, ma la verità è che ha lasciato fuori Candreva, puntando tutto su Karamoh; e il ragazzo ha fatto la differenza. Gioco non esaltante e bordate di fischi, ma ieri quello che contava era solo il risultato. L‘Inter ha ripreso il terzo posto, magari il periodo negativo è stato superato.

Vince anche la Roma e resta in scia ai nerazzurri…
Anche la Roma ha avuto l‘esplosione di un ragazzo molto promettente, il turco Under, il quale ha cambiato la partita. Ha battuto un Benevento mai domo, che non hai mai rinunciato a fare il proprio gioco. Solo così può tenere accesa la fiammella della speranza.

Karamoh e Under, certo, ma c‘è anche Cutrone?
Cutrone è la vera sorpresa di questo campionato, sta facendo molto bene e sta trascinando il Milan. Quattro vittorie nelle ultime cinque partite, ora si vede carattere e fisicità. Sono cresciuti i singoli. In questo momento il Milan non sembra avere limiti. La Spal gioca sempre un calcio propositivo, è viva, i giocatori seguono l‘allenatore, sarebbe un peccato esonerare Semplici. E‘ giusto che continui.

La Sampdoria è pronta per inseguire un traguardo europeo?
Sì, la Sampdoria è pronta per obiettivi importanti, a 41 punti è vicina alle zone che contano. Se la giocherà fino alla fine, ha organizzazione e qualità individuali. Sta facendo un campionato esaltante.

Torino e Genoa volano, qual è il segreto? Il cambio dell‘allenatore?
Si, Mazzarri e Ballardini hanno avuto un impatto molto positivo, trasformando le due squadre. E‘ tornato al gol anche Belotti dopo due mesi. Il Toro è una squadra in forte crescita. Ballardini ha saputo trovare le giuste misure e battere i tasti giusti, perché i giocatori sono sempre gli stessi.Il Genoa è diventata una squadra concreta e ha un difesa attenta che fa pressing. Il Chievo è la delusione del momento, il girone d‘andata è solo un lontano ricordo.

 

L'articolo GEDE: «Un Parma confusionario, non c‘è serenità» è condiviso da SportParma.