Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Var e polemiche il solito teatrino
Var

Il fuorigioco del 2-2 dell’Inter, il rigore su Darmian contro il Verona, il fuorigioco di ieri a Firenze fischiato a Gervinho (su segnalazione dell’assistente di linea). Prendiamo solo gli ultimi tre casi capitati al Parma nelle ultime tre gare di campionato. Focalizziamoci solo su quelli più eclatanti, senza andare troppo indietro con la memoria, dove comunque gli episodi e i sospetti non mancano.
Tre episodi di malagestione, errori e in alcuni casi supponenza arbitrale, perché il Var è stato introdotto per spazzare via le decine di dubbi che in passato comportava ogni giornata di campionato. Niente. Il risultato è deprimente. Troppe casistiche e troppa discrezionalità.
Bene o male tutte le 20 squadre di A hanno di che lamentarsi. Dal maestro Ancelotti a D’Aversa. Chi con toni pacati e chi alzando la voce.

Un malcontento generale a cui l’Aia (associazione italiana arbitri) non fornisce mai risposte adeguate, se non appellandosi a regolamenti e postille varie, quando la realtà dei fatti dice che ogni arbitro interpreta le situazioni a modo suo, senza parametri uniformati. Oggi è fallo di mano (De Ligt), domani no. Dopodomani forse. L’anno prossimo chissà.
Approssimazione all’italiana. Ma gli arbitri non ricordano, o ignorano, che il calcio è finanziato da privati e da centinaia di migliaia di tifosi, i quali vogliono e pretendono rispetto, certezze e trasparenza.

Tutte e 20 le società di A si diano una svegliata, così non si va da nessuna parte. Le regole del Var (Video Assistant Referee) vanno modificate quanto prima, abolendo il divieto imposto dal Protocollo federale che impedisce ad allenatori e calciatori di richiedere l’intervento del Var.

Le riunioni e gli incontri non hanno portato i frutti sperati. Così come probabilmente non servirà il nuovo appuntamento proposto
dalla Figc, di concerto con il presidente Aia Nicchi e il designatore Rizzoli “tra arbitri, allenatori e capitani della squadre di serie A, al quale potranno accedere anche i rappresentanti dei media. Lo spirito della riunione – conclude la Figc -, nella massima collaborazione tra tutte le componenti, è quello di ricondurre la dialettica legata alle decisioni arbitrali su binari di correttezza reciproca e, allo stesso tempo, fornire a tutti gli addetti ai lavori gli strumenti necessari di conoscenza della materia per poter giudicare con oggettiva imparzialità”. Già, imparzialità. E uniformità. Belle parole, ma servono i fatti e nuove regole.