Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2019/20CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Le problematiche dell‘affare Caprari conteso da Parma e Sassuolo
Le

Arrivare a Gianluca Caprari (26 anni), attaccante della Sampdoria e vecchio pallino di Faggiano e D’Aversa, è un’impresa complicata, piena di problematiche, insidie e intrecci di mercato. Il giocatore non è ufficialmente in vendita, ma per Ranieri è una seconda scelta (dovuta al cambio del modulo), motivo per cui la sua cessione non è impossibile, già a gennaio. Il Parma ha parlato con i blucerchiati e con l’entourage dell’attaccante, per capire la fattibilità dell’operazione e soprattutto i costi. Nei giorni scorsi il ds blucerchiato Carlo Osti, a proposito di Caprari, aveva dichiarato: “E’ un nostro calciatore e contiamo su di lui. Se poi sarà lui a dirci di voler andare via, allora si potrebbe valutare questa possibilità”.
La verità è che se non arriva un’offerta congrua al valore del cartellino, attualmente valutato intorno ai 10 milioni di euro, è difficile che Caprari lascia la Samp. La cifra richiesta dai blucerchiati è alta e richiede uno sforzo economico notevole da parte del Parma, che a sua volta spera di poter abbassare le richieste, proponendo un prestito oneroso e un obbligo di riscatto, un’operazione simile a quella che ha portato in giallobllù lo sloveno Kurtic (leggi qui).
Discorso differente per il Sassuolo, l’altra grande pretendente, che sul piatto delle trattative potrebbe mettere l’ex Defrel, un giocatore molto gradito a Ranieri e all’ambiente Samp. Uno scambio alla pari o quasi, ma a titolo definitivo, oppure in prestito con obbligo di riscatto.
Un intreccio a tre (Samp, Parma e Sassuolo) che allunga i tempi e rende ancora più incerta la situazione attorno al futuro del giocatore. Con il Parma che ci proverà fino in fondo a portarlo alla corte di D’Aversa.