Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Parma non c‘è solo Gervinho
Parma,

Non c‘è solo Gervinho. La sorprendente conferma è arrivata domenica a Marassi (1-3) dove il Parma ha infilato la quarta vittoria nelle ultime 5 partite, la seconda fuori casa. La classifica è dolcissima e profuma di Europa. Il Parma di Roberto D‘Aversa, una delle piacevoli sorprese di questo avvio di stagione, ha riacceso l‘entusiasmo di una piazza che con la memoria va indietro di qualche anno, quando nella stagione 1990-91 Nevio Scala, al primo anno in serie A, fu capace di centrare un clamoroso sesto posto e la conseguente qualificazione alla Coppa Uefa. A distanza di 18 anni la storia sembra ripetersi, anzi, in realtà sembra migliorare, perché nelle prime 8 giornate D‘Aversa ha fatto meglio del suo predecessore (una vittoria in più). Meglio anche di Roberto Donadoni che nella stagione 2013-14 chiuse il campionato al settimo posto (9 punti nelle prime 8 giornate), l‘ultimo miglior piazzamento degli emiliani, prima del fallimento. E‘ prematuro e per certi versi insensato fare paragoni e parallelismi, anche perché la stagione è lunghissima, ma i numeri del Parma attuale sono singolari: 13 punti in classifica (4 vittorie e un pareggio), 23 giocatori utilizzati, di cui solo 3 sono stranieri, l‘età media della rosa (29,46 anni) è la seconda più alta d‘Europa (nei 5 principali campionati), Sepe è il portiere con più parate all‘attivo in serie A (38) e nella classifica dei tiri i ducali sono ultimi a quota 58 (35 in porta). Numeri controcorrente che spiegano l‘anima di questa squadra che fino a ieri sembrava Gervinho-dipendente. E invece, domenica a Genova l‘ivoriano era uno degli otto assenti, tutti infortunati. E non è un caso che i gol vittoria portino la firme inedite di tre presunti gregari come Rigoni, Siligardi (era finito fuori lista) e Ceravolo (non segnava in A dal 2010).
E‘ un Parma dove tutti si sentono importanti e coinvolti. Un Parma tremendamente concreto, votato al sacrificio, umile e organizzato, che lavora sugli errori altrui, che si difende in massa e fa delle ripartenze la sua arma migliore. Merito di un allenatore che ha plasmato una squadra profondamente rinnovata in estate (15 volti nuovi), completata negli ultimi giorni di mercato, con nomi che in molti davano per finiti, vedi Gervinho, oltre a diverse scommesse, Stulac su tutti. Il 4-3-3 è il marchio di fabbrica di D‘Aversa, il modulo utilizzato per la grande scalata dalla serie C alla A; un sistema di gioco elastico, pieno di varianti, che si adatta alle esigenze e alle difficoltà delle partite, pur cambiando interpreti a causa delle continue defezioni, e che può contare sull‘esperienza di un giocatore come Bruno Alves.
C‘è da chiedersi dove potrà arrivare questa squadra quando i vari Biabiany, Gervinho Grassi e Inglese raggiungeranno la condizione migliore (la sosta del campionato cade a pennello). Una domanda a cui al momento nessuno vuole rispondere in città e in società, onde evitare di fare il passo più lungo della gamba: “Pensiamo solo alla salvezza” è il ritornello di D‘Aversa, del ds Faggiano e dei giocatori. Il Parma vola basso, ma consapevole che ci sono ampi “margini di miglioramento”, a partire dall‘infermeria, l‘unica vera nota stonata di questi primi mesi. Intanto la squadra si gode 4 giorni di riposo, la ripresa è fissata per giovedì.