Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Gli specializzandi in Ortopedia e Traumatologia di UniPr in campo con il Parma Calcio. Perrone: Dimostrazione di come il club sia radicato e rappresenti il territorio (VIDEO)
Gli

(www.parmacalcio1913.com) – Da oggi per gli specializzandi in Ortopedia e Traumatologia dell‘Università di Parma sarà possibile un affinamento della propria formazione sul campo, con il Parma Calcio. Tutto questo grazie a una collaborazione tra Parma Calcio 1913 e Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia – Clinica Ortopedica, presentata questa mattina nella sede dell‘Ateneo dal Rettore Paolo Andrei, da Stefano Perrone e Giulio Pasta, rispettivamente Direttore Operativo e Coordinatore dell‘Area Medica del Parma Calcio 1913, da Giovanna Campaniello, Responsabile di Governo clinico, gestione del rischio e qualità dell‘Azienda Ospedialiero-Universitaria, da Francesco Ceccarelli, Direttore della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia, e da Enrico Vaienti, Direttore della Clinica Ortopedica dell‘Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma.

L‘accordo permetterà ai medici in formazione specialistica ortopedici-traumatologi, attraverso la frequenza costante nelle strutture del Parma Calcio, di completare la propria formazione accademica e professionale in Traumatologia dello Sport sul campo a contatto con atleti professionisti di alto livello e del Settore Giovanile. 

La loro quotidiana attività avrà sempre un affiancamento assistenziale da parte di medici specialisti/tutors del Parma Calcio (dott. Pasta e D‘Ovidio) o della Clinica Ortopedica (prof. Pogliacomi), Unità Operativa dove gli specializzandi lavorano quotidianamente, già espressione di alti livelli assistenziali anche in Traumatologia dello Sport.

L‘accordo di collaborazione, che è da considerarsi unico in Italia per le Scuole di specializzazione in Ortopedia e Traumatologia, si è potuto concretizzare e formalizzare grazie all‘attenzione dell‘Università di Parma e al sostegno dell‘Azienda Ospedaliero-Universitaria, ed è ulteriore testimonianza del gioco di squadra territoriale (imprenditori, istituzioni, cittadini) che fin dall‘inizio ha accompagnato la rinascita del Parma Calcio come ha sottolineato nel suo intervento il Direttore Operativo Stefano Perrone:

“L’iniziativa di oggi va inquadrata in un contesto più ampio: se tre anni fa il Parma Calcio è ripartito dalla serie D è stato grazie ad imprenditori parmigiani e al territorio che si è stretto attorno a un movimento che lo ha portato in tre anni – compiendo quasi un miracolo – a ricalcare i campi di Serie A. In quel contesto il Parma Calcio si è preso un impegno morale: quello di fare sistema con tutto il territorio e di ridare al territorio quello che ha ricevuto. Dunque questa iniziativa rientra pienamente in questo discorso: il Parma Calcio è uno strumento importante che serve per fare sistema con tutte le entità che lavorano nel campo imprenditoriale e sociale e in questo caso universitario, medico, per far sì che ci possa essere una crescita collettiva. E’ un impegno non scritto, che però il Parma sta portando avanti in maniera continua. All’interno di quello che è un modello organizzativo consolidato nel mondo del calcio, abbiamo inserito un elemento in più, ovvero delle strutture universitarie che possono lavorare a stretto contatto con la realtà sportiva professionistica per una crescita bilaterale, sia della componente sportiva che di quella universitaria. Volendo dare qualche numero: il Parma, nel 2015, tre anni fa, aveva ricominciato dalla serie D con circa 160 bambini/ragazzi nel Settore Giovanile: era già un dato eclatante, enorme per la categoria: oggi ci ritroviamo ad avere 230 bambini/ragazzi di varie fasce d’età, che ogni giorno si allenano nei nostri impianti e che hanno bisogno di essere affiancati da staff medici sempre più preparati e professionali. Siamo arrivati in tre anni a ricostituire un Settore Giovanile che ha le stesse dimensioni di quello che era il Settore Giovanile che aveva il Parma in Serie A l’anno del crac. Questa notevole crescita, in pochissimo tempo, è stata possibile grazie al territorio, a tutte le Istituzioni che rappresentano Parma e alla grandissima professionalità rappresentata anche da quelle che sono le persone che lavorano nel Parma – qui c’è il responsabile della nostra area medica – che fin dal primo momento hanno dato il massimo impegno, la massima professionalità. Per cui il rapporto che stiamo ufficializzando oggi, ma già attivo all’interno della nostra struttura è sicuramente un obiettivo importante che servirà a tutta la Società del Parma Calcio, per cui al Settore Giovanile – qui abbiamo Luca Piazzi, che ne è il responsabile, che sta guidando la macchina organizzativa, ma esiste anche la parte professionistica legata alla prima squadra e pensarle sempre divise non è corretto. Il nostro Settore Giovanile è un unicum con la Prima Squadra: per cui tutti i modelli organizzativi che andiamo ad introdurre nel Settore Giovanile sono anche specchio di quelli della Prima Squadra, per cui abbiamo raggiunto realmente un obiettivo importante con questo accordo che servirà senz’altro per sviluppare maggiormente la nostra attività sportiva. Siamo presenti, per cui stiamo dando un grande servizio di crescita. Ribadisco, però, questo è un intervento che fa sistema: il Parma Calcio non è avulso dal territorio. Il Parma Calcio è nel territorio e vuole essere rappresentativo del territorio”.

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE “PARMA CALCIO 1913 SETTORE GIOVANILE” 

CONFERENZA STAMPA INTEGRALE

STRALCI DALLE INTERVISTE A MARGINE DI GIUSEPPE MILANO (12 TV PARMA)

DOTT. GIULIO PASTA, COORDINATORE AREA MEDICA PARMA CALCIO 1913

“Per quello che ci è possibile cerchiamo di dare una mano all’Università e all’Ospedale di Parma, così come loro ci aiutano molto nel nostro lavoro: ci sono sempre stati molto vicini, all’inizio in maniera indiretta e da quest’anno con una collaborazione diretta, mandando sui nostri campi, soprattutto delle Giovanili, dei loro professionisti. Sono molto contento di questa collaborazione: ringrazio il Prof. Ceccarelli, il Prof. Vaienti e il Prof. Pogliacomi che è stato un po’ il perno di questa collaborazione con l’Università e l’Ospedale”.

PROF. PAOLO ANDREI, MAGNIFICO RETTORE UNIVERSITA’ DI PARMA

“L’Università è sempre stata molto attenta a queste collaborazioni che nascono da positive esperienze passate: in questo caso abbiamo voluto meglio qualificarla attraverso l’interscambio di competenze, mettendo a disposizione delle Giovanili e della Prima Squadra del Parma le forti competenze che sono presenti nelle nostre Scuole di Specialità in ambito medico, in particolare quella di Ortopedia e Traumatologia, garantendo, nello stesso tempo, ai nostri specializzandi una formazione completa, grazie a questa possibilità di interazione con le competenze dell’Università e della nostra Azienda Ospedaliero-Universitaria. Questo penso sia il modo migliore per garantire a livello territoriale quell’interscambio che fra Istituzioni deve esserci e che poi guarda al futuro e alle possibilità di collaborazione concrete e non solo a parole”.

PROF. FRANCES