Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA Nulla da rimproverare. SPALLETTI: Vittoria di qualità
D’AVERSA

Il commento dei due tecnici, D’Aversa e Spalletti, dalla sala stampa del Tardini al termine di Parma-Inter (0-1).

D’AVERSA: “Siamo partiti meglio nel primo tempo, poi nella ripresa abbiamo sofferto, il rammarico è aver subito gol dopo che ci eravamo sistemati in difesa, a causa di una nostra ingenuità. Se gli episodi fossero stati dalla nostra parte avremmo parlato di un altro risultato. Purtroppo siamo stati penalizzati da nostri errori tecnici. Oggi abbiamo dimostrato che non siamo una squadra solo da trasferta, infatti nella prima parte abbiamo pressato alto, ma è chiaro che bisogna avere più qualità perché il gol nasce da una palla persa da noi. Non è stato un problema di calo fisico, abbiamo subito la pressione dell’Inter che è una squadra forte.
Non siamo una squadra solo da trasferta, infatti nella prima parte abbiamo pressato alto, ma è chiaro che bisogna avere più qualità, perché il gol nasce da una palla persa da noi. Non abbiamo concesso occasioni fino a poco prima del loro gol, non posso rimproverare nulla ai ragazzi, hanno fatto una buona prestazione contro un grande avversario”.

SPALLETTI: “Siamo entrati in campo un po’ insicuri, come altre volte. Abbiamo sbagliato qualche scelta, dando loro un po’ di coraggio. Poi però ci siamo sciolti, portando la partita su dei binari che conosciamo meglio, costruendo con qualità. Il Parma ha provato a venire a mordere, ma non è la sua partita e si vedeva. Quando gli dai campo vengono e vanno veloce sulle punte: Inglese rende la palla giocabile, Gervinho è devastante.
In alcuni momenti non sopportiamo la pesantezza del vincere. Dobbiamo invece stare tranquilli e mettere nella partita le nostre caratteristiche.
Perisic ha fatto una grandissima partita. Ha reagito ai discorsi legati al mercato da grande professionista. Nainggolan ha fatto rivedere le sue vampate nella doppia battuta play-centrale difensivo, facendo sparare al Parma le pallate che Skriniar e De Vrij hanno interpretato benissimo non facendo pulire mai questi palloni.
Icardi? Di certo i problemi non glieli ho creati io. Le cose vanno chiarite, perché poi quando si lasciano le cose a metà si lasciano aperte alle interpretazioni. Qualche discorso di troppo si è fatto, ora è tempo di parlare di queste cose che ci siamo tirati indietro per mesi”.