Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2019/20CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Di Bello e il Var: Parma-Lazio è uno scandalo nazionale
Di

Errare è umano, ma perseverare è diabolico. Quello che è successo ieri al Tardini, durante un combattutissimo Parma-Lazio, lascia esterrefatti, tanto da resuscitare i mostri del passato, le congetture più assurde, e i soliti sospetti malefici. Abitudini italiche. Abitudini parmigiane e di ogni angolo del pianeta calcio. Tutti contro l’arbitro. La “giacchetta nera” come il diavolo. Come un virus contagioso e senza rimedi.

Una premessa doverosa prima di addentrarci nei due colossali errori commessi dall’arbitro Marco Di Bello della sezione di Brindisi, che ieri al Tardini ha festeggiato (si fa per dire) la sua centesima direzione in serie A. Una festa piena di veleni, quelli di sponda gialloblù, perché i due rigori non concessi al Parma hanno scandalizzato tutti: tv, giornali e siti nazionali, tutti concordi nel sostenere che al Parma mancano due rigori sacrosanti. Due. Ripeto, due: al minuto 55′ Marusic tira giù in area Bruno Alves; al 91′ Acerbi trattiene in modo palese Cornelius al limite dell’area piccola. Non si tratta di contatti sospetti, ma di certezze, come hanno affermato ieri sera tutti i moviolisti italiani.

E nell’era del Var, delle telecamere che spiano tutto e tutti, è qualcosa di inspiegabile. Il regolamento consente all’arbitro di sbagliare, certo, e di non essere ripreso dal Var se non in casi di “errore evidente”. Appunto. Più evidenti di questi non si può. Perché l’esperto Banti, ieri addetto al Var, e la sua squadra appiccicata davanti ai monitor non è intervenuta? Perché al signor Di Bello non è venuto alcun sospetto e non è andato a rivedere le due azioni incriminate? Per caso non funzionavano gli auricolari? Un corto circuito? O un blitz dei marziani sulla terra?

Passi il primo errore su Bruno Alves, ma non il secondo, in pieno recupero. Rivedere quel’azione al Var sarebbe stato un gesto di onestà intellettuale e di trasparenza, oltre che correttezza. Ma evidentemente all’Aia e alla Figc sono argomenti che non interessano, perché se si lascia tanta discrezionalità in mano ad un arbitro significa che si vuole andare in questa direzione. Che le partite siano in mano ad un essere umano e non alla tecnologia. La supremazia dell’uomo, pardon dell’arbitro.
Davanti a questi scenari è praticamente impossibile non pensare al peggio, se ne facciano una ragione anche tutti i buonisti e i conservatori del gioco calcio. Il Var è lì per evitare certi problemi, per azzerare definitivamente i dubbi e i sospetti di strani complotti, di partite aggiustate, di sudditanza psicologica, di arbitri e dirigenti corrotti. Quindi, come giudicare la scelta di ieri di Di Bello di non affidarsi al Var? E’ buona fede o mala fede? E’ sudditanza o semplice incapacità? Menefreghismo o complottismo? E Banti, che è nella sala Var, perché non richiama l’arbitro reo di un aver commesso un errore palese?

Le immagini parlano chiaro: Di Bello e il Var hanno commesso due errori colossali e il Parma è stato penalizzato (per diritto di cronaca riportiamo anche la versione di chi sostiene che sia stato prima Cornelius a commettere il fallo ottenendo così un vantaggio di posizione su Acerbi grazie ad una precedente spinta). In ogni angolo del mondo si chiamerebbe “danno subito”. Nel calcio italiano no, per di più chi commette l’errore, in questo caso l’arbitro, può starsene, anzi ha il diritto di starsene in silenzio, senza dare spiegazioni, senza chiedere scusa a nessuno e magari utilizzare il cartellino giallo (o rosso) per addomesticare i ribelli. Un intoccabile, insomma, che può sbagliare e condizionare una partita, come prima, quando il Var non esisteva.

Non è una questione di risultato, di sconfitta o pareggio, anche perché poi i rigori bisogna calciarli e segnarli, ma è un principio morale e giuridico. Il Var c’è e va utilizzato per annullare ogni dubbio, ogni sospetto, ogni falla del sistema; per assegnare o no un rigore. E invece siamo punto e a capo. La non evoluzione. Una vergogna. Un insulto all’intelligenza.