Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2020/21CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2019/2020 2018/2019 2017/2018 2016/2017 2015/2016 2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Serie A: caos stipendi sono in regola solo Atalanta Parma e Sassuolo

Un disastro annunciato che conferma ancora una volta la non sostenibilità del calcio italiano e le scelte sbagliate degli ultimi decenni.

Stando all’ultima inchiesta della Gazzetta dello Sport, nell’ultima stagione (2019-20) la serie A ha registrato una perdita complessiva di 770 milioni di euro tra mancati introiti dei diritti tv, dei botteghini e degli sponsor. Una cifra record collegata agli effetti della pandemia in corso ma anche alla gestione scellerata dei singoli club, con gli stipendi dei giocatori che occupano gran parte dei costi.

i problemi sono molteplici, a cominciare dal pagamento degli emolumenti ai giocatori: “Non ci sono soldi in cassa e i club di serie A hanno chiesto alla Figc una proroga dei termini per i pagamenti di emolumenti e contributi. La scadenza del 30 settembre per le mensilità di giugno e luglio è stata inizialmente posticipata al 16 novembre, quindi è arrivato lo slittamento al primo dicembre per gli stipendi di luglio, agosto e settembre. Pare che soltanto Atalanta, Parma e Sassuolo abbiano saldato tutte le spettanze e pagato il mese di settembre in anticipo sulla scadenza”.

Inoltre, da un’analisi dei bilanci delle 20 squadre di A si registra uno sprofondo rosso, ad eccezione di Atalanta, Cagliari, Genoa, Spal e Verona.

Da questi pochi numeri emerge l’esigenza immediata di cambiare rotta e ridisegnare il futuro e la sostenibilità del calcio italiano, anche perchè la situazione non migliora in serie B, C e nei dilettanti.

 

L'articolo Serie A: caos stipendi, sono in regola solo Atalanta, Parma e Sassuolo proviene da SportParma.