Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Mai più un caso Parma: il Palermo ceduto ad una società con un capitale di 200 sterline
“Mai

“Mai più un caso Parma” era stato il motto della Figc di Tavecchio dopo il crack del Parma Fc che in pochi mesi passò dalle mani di Ghirardi a Taci, per finire a Manenti. Uno dei tanti slogan sventagliati dalla “politica” del pallone che però nella realtà agisce diversamente, prendendo per i fondelli milioni di tifosi. Parole gettate al vento, palesemente in malafede, smentite sistematicamente dai fatti.
L’ultima conferma arriva da Palermo dove ieri è stata presentata la nuova proprietà che ha acquistato il club dall’ex patron Zamparini per la cifra “sbalorditiva” di 10 euro, ma con l’impegno di saldare un debito consistente, milionario.
Il nuovo proprietario del Palermo è una società inglese, la Global Futures Sports & Entertainment. Società semi sconosciuta con un capitale sociale di appena 200 sterline, senza un sito internet e un bilancio approvato dato che è nata nei primi mesi del 2018.
L’advisor Maurizio Belli ha spiegato ieri che alcuni investitori della società sono quotati in borsa e hanno “chiesto riservatezza“. Scene già viste al Tardini qualche anno fa, l’anticamera del fallimento. Ovviamente speriamo che a Palermo non ci sia lo stesso epilogo, perché sarebbe clamoroso. Di certo il calcio italiano deve farsi delle domande e darsi delle risposte, affinché non si ripetano più queste storie assurde. Ma la sensazione è che nessuno voglia cambiare gli scenari, consentendo così a imprenditori sconosciuti e a società “senza” capitale di continuare avventurarsi nel calcio, con prestanomi più o meno conosciuti e promesse impossibili, che di fatto servono solo a salvare i precedenti presidenti.
La struttura finanziaria del club verrà definita fra qualche tempo - ha spiegato l‘advisor Belli - i tempi sono dettati dallo stato dell‘azienda che stiamo analizzando in questo momento”.
L’ad Clive Richardons ha aggiunto: “Abbiamo diversi appuntamenti in agenda, ma non siamo sicuri di quello che faremo nei prossimi giorni, siamo appena arrivati, abbiamo visto la situazione societaria soltanto adesso. Non sappiamo come è strutturato il club“. Non sanno (quasi) niente, ma intanto hanno acquistato un club di serie B. Vivissimi complimenti! Mai più un caso Parma…