Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA: Lottato fino alla fine. FAGGIANO: Il cuore oltre l‘ostacolo
D’AVERSA:

Il commento post Fiorentina-Parma (1-1) nella parole di mister D’Aversa e del direttore sportivo Faggiano.

D’AVERSA: “In alcune circostanze siamo mancati nell‘ultimo passaggio. Concedetemi di dire che in due circostanze ci sono state valutazioni troppo affrettate, con Gervinho lanciato a rete bisognava aspettare che finisse l‘azione per poi valutare se fosse fuorigioco o meno; è successo due volte, una nel primo tempo, e la giustificazione è stata che fosse tornato indietro, poi è successo anche nel secondo tempo. Si tratta di due situazioni che per le caratteristiche dei calciatori nostri è come limitarci la possibilità di arrotondare il risultato: non lo dico sotto forma di polemica, ma perchè la regola dice questo.
La componente positiva è che questi ragazzi lottano dall‘inizio alla fine. Gagliolo mi ha dato la disponibilità pur non avendo fatto un allenamento, pensavamo di non portarlo ma lui ha insistito per esserci; ci tengo a evidenziare anche Karamoh, nel primo tempo ha subìto due interventi duri e nonostante il problema al ginocchio è rimasto in campo finchè ce l‘ha fatta: questo dimostra che tutti sono motivati e attaccati al senso di appartenenza.
Dobbiamo pensare anche al fatto che con un pizzico di malizia in più avremmo potuto portare a casa un risultato diverso, sia per quanto riguarda stasera ma anche in quella in casa contro il Verona.
Prevale la rabbia per non aver portato a casa i tre punti. Bisogna analizzare il fatto che la squadra è tra le prime 6 che ha fatto più chilometri fino ad ora per quantità di corsa: dove ci sono giocatori non al 100%, nell‘arco di 95 minuti può pesare sugli equilibri non averne a disposizione per fare cambi”

FAGGIANO: “Pure oggi i ragazzi, soprattutto nel finale quando affiorava la stanchezza, hanno dato tanto come carattere e hanno gettato il cuore in campo, oltre l‘ostacolo. È stata una bella partita. Forse nel primo tempo, senza fare polemica, siamo stati penalizzati da qualche svista. Capisco sia difficile. Ci stiamo aggiornando un po‘ tutti su quanto stabilito dal nuovo protocollo. Questa decisione sul fuorigioco di oggi, in effetti, è un po‘ grossa, ma chissà se avessimo segnato, perché se abbiamo un difetto è, a volte, nelle conclusioni. Possiamo concludere di più e con maggior precisione. D‘altronde allenarci per molte settimane senza Bruno Alves, Inglese, Grassi, Cornelius e Gagliolo non è facile e porta anche a essere meno cinici. Va detto che chi è stato chiamato in causa, come Dermaku e Karamoh, ha fatto benissimo.
Mercato? Dico solo che è prematuro e che bisogna fare i conti con il nostro budget, che per il momento non c‘è. Al mercato di gennaio meno si tocca una squadra, meno danni si fanno. Lo penso da sempre e l‘ho sempre detto. Il nostro mercato inizia dal recupero dei nostri giocatori infortunati”.